INSTALLARE linux su una USB (persistenza)

Sezione dedicata a Windows
Avatar utente
Staff
Messaggi: 580
Iscritto il: ven apr 29, 2016 1:44 pm

INSTALLARE linux su una USB (persistenza)

Messaggioda Staff » gio gen 12, 2017 2:00 pm

Live USB con persistenza
CONSIGLIATA USB 8GB NON USB3.0
CONSIGLIATO LINUX MINT 32BIT


è possibile creare una Live USB persistent con tools come Unetbootin. La grande differenza è proprio la persistenza dei dati: all’atto della creazione di una live USB con persistenza, una parte del dispositivo stesso viene utilizzata per memorizzare i dati dell’utente – solitamente tutto ciò che è presente nella directory /home/nomeutente – cosicché questi non vengano eliminati dopo il riavvio del sistema.

Per intenderci, dopo il riavvio tutte le applicazioni installate durante la sessione precedente saranno perse, ma resteranno salvati sul dispositivo USB tutti i file che avremo creato/modificato, ad esempio, in /home/nomeutente/Scrivania, /home/nomeutente/Documenti, /home/nomeutente/Scaricati e via dicendo, includendo eventualmente anche i profili dei browser o le impostazioni di alcune applicazioni.

Sopra abbiamo citato UNetbootin è disponibile per Windows, Linux e Mac e non richiede alcuna installazione, basta scaricarla e dare un doppio click sul file unetbootin per avviare l’applicazione.

UNetbootin
Una volta avviato basta indicare la distribuzione da scaricare / installare oppure indicare la ISO scaricata, indicare la pendrive e cliccare su OK. Se vogliamo salvare il sistema operativo in modalità persistente basta indicare lo “spazio riservato per i file utente” esempio possiamo dedicare 1 GB di spazio libero per salvare applicazioni, preferenze ecc.
Immagine


Una volta creata la pendrive USB basta cliccare su Riavvia per avviare la distribuzione da USB, in caso contrario basta accedere al BIOS del nostro computer ed impostare le porte USB come drive di boot primario.

Startup Disk Creator Solo UNIX
Se abbiamo Ubuntu o una derivata possiamo creare una pendrive USB anche in modalità persistente grazie al tool Startup Disk Creator. Già incluso di default in Ubuntu e nelle derivate ufficiali (tranne Xubuntu), il tool ci consente di creare facilmente una Pendrive USB della nostra distribuzione preferita con estrema facilità. Startup Disk Creator ci consente di salvare la distribuzione in modalità persistente impostando in “Salvati su spazio aggiuntivo riservato” quanti MB da dedicare alle applicazioni, file e preferenze ecc
Immagine


Per avviare Startup Disk Creator basta cercare nel menu Creazione disco di avvio USB se non c’è basta digitare:

Per Ubuntu, Xubuntu, Lubuntu, Ubuntu GNOME o derivate come Linux Mint, elementary OS ecc

Codice: Seleziona tutto

 [Per favore Registrati o effettua il login per visualizzare il link] 

Per Kubuntu o derivate con ambiente desktop KDE:

Codice: Seleziona tutto

 [Per favore Registrati o effettua il login per visualizzare il link] 

e avviamo Startup Disk Creator da menu.

Esistono anche altri utili software o tool per installare Ubuntu o una derivata su USB anche in modalità persistente, UNetbootin e Startup Disk Creator sono a mio avviso i più semplici da utilizzare da parte soprattutto di nuovi utenti.

LINK
Linux mint MATE 32BIT
{URL}
UBUNTU 32BIT
{URL}
UBUNTU BUDGIE
{URL} Download tramite

Installazione su chiavetta USB (o memoria esterna), con possibilità di esecuzione direttamente da Windows

LiLi (diminutivo di LinuxLive) USB Creator è un applicativo che permette di creare in soli cinque clic una chiavetta avviabile con una qualsiasi edizione Linux, in modalità live. In questo modo è possibile eseguire direttamente la propria distribuzione Linux preferita su Windows senza configurazioni o particolari installazioni. Il software è semplicissimo da usare e la presenza della lingua italiana rende ancora più agevole il processo di creazione della pendrive. A differenza delle distribuzioni Linux che già nascono in modalità Live, per essere eseguite da CD e DVD la soluzione offerta da LiLi USB Creator permette di sfruttare la modalità Persistence. La persistenza, quindi, consente di installare applicazioni e memorizzare dati sulla memoria USB come se si stesse eseguendo Linux in modalità tradizionale da un qualsiasi hard disk, opportunità non offerta dalle modalità Live su supporti ottici.

L'utilizzo del programma è alla portata di tutti. Una volta scaricata la versione portable dal link indicato (basta un clic su Version 2.8.20 Final - Portable Edition (.zip file)) è sufficiente estrarre il contenuto dall'archivio scaricato. Chi preferisce la versione installer, può scaricare l'eseguibile di installazione direttamente da qui e poi procedere al setup nel modo tradizionale. Nella versione portable, il programma si avvia con un doppio clic sull'eseguibile LiLi USB Creator.exe, mentre nella versione con installazione, dal link presente sul desktop. Compare così l'unica schermata del programma.
Immagine

Così, nel passo 1 è sufficiente selezionare una qualsiasi chiavetta USB formattata in FAT o FAT32 con almeno 4 GB di spazio libero. Non appena selezionata, il semaforo presente in basso a destra diventerà verde. Al passo 2 bisogna scegliere una sorgente, selezionando un file ISO, IMG o ZIP di una distribuzione già scaricata, un CD che si ha a disposizione oppure si può scaricare direttamente la versione di interesse cliccando su Scarica, selezionando una delle tantissime versioni Linux supportate e cliccando su Manualmente o Automaticamente per procedere al download manuale o automatico della distribuzione scelta.
Immagine

Al passo 3 è possibile specificare la dimensione dello spazio da dedicare alla Persistenza. Impostando lo slider su 0, il sistema verrà utilizzato nella sola modalità Live. Al passo 4, è possibile decidere di nascondere i file creati nella chiavetta, evitando così cancellazioni accidentali quando il drive è connesso a un PC Windows, è possibile richiedere al programma di formattare direttamente il drive in FAT32 e di abilitare l'opzione esclusiva di virtualizzazione automatica, per usare Linux in Windows senza preoccuparsi di scaricare appositi software per la virtualizzazione.
Immagine

A questo punto, è sufficiente un clic sul fulmine per avviare l'installazione della distribuzione Linux scelta sulla pendrive. Al termine, un messaggio informerà l'utente che la chiavetta è pronta. Per utilizzarla, è sufficiente collegarla al PC prima del boot e modificare il BIOS affinché il computer si avvii da pendrive. Se si è abilitata la virtualizzazione automatica, Linux sarà utilizzabile anche direttamente in una sessione di Windows.

Un clic sul pulsante OPZIONI permette inoltre di accedere ad alcune funzionalità di configurazione del programma. Al di là dei pannelli Opzioni per i parametri di installazione, Lingua per la lingua, Proxy per le impostazioni di connettività e Aggiorna per effettuare l'aggiornamento del programma, la più interessante è la tab Avanzato dove gli utenti più esperti possono giocare con l'installazione del loro Linux preferito.
Immagine

LiLi USB Creator è quindi una soluzione davvero formidabile per avere sempre Linux con sé: si rivela facile da usare e compatibile con quasi tutte le distribuzioni oggi disponibili, come si può evincere anche da questa pagina dedicata

Torna a “Windows”

Chi c’è in linea

Visitano il forum: Nessuno e 1 ospite